Glims: un add-on per portare Safari verso nuovi orizzonti

26 gennaio 2012 di Fabrizio Degni

Un cocktail di nuove e spumeggianti feature per potenziare il browser di casa Apple arriva con Glims.

Sul mercato quella fra i browser per il Web è una battaglia senza esclusione di colpi che se in un passato che ora appare remoto vedeva primeggiare Internet Explorer, oggi assegna corona e scettro a Google Chrome, il browser di Google che nel corso degli anni ha prima inseguito, poi duellato e sopraffatto anche Volpe di Mozilla Foundation (al secolo Firefox). Su OS X lo scenario è ben diverso in quanto il browser piu’ utilizzato è Safari ma se in passato la supremazia rispetto alle alternative era senza appello, Chrome e Firefox stanno erodendo mercato, seducendo anche i fans piu’ strenui della Mela per una serie di features ed innovazioni che mancano in Safari e che Apple non sembra intenzionata a proporre.

Tra gli aspetti indubbiamente piu’ allettanti è impossibile non citare lo sterminato parco di estensioni in grado di elevare ad ennesima potenza funzioni e funzionalità di Chrome e Firefox, di personalizzare l’esperienza di navigazione a misura d’uomo, di agevolare funzioni come il download di video in streaming o la cattura rapida di interi set di immagini in una pagina. Safari paga lo scotto di un ecosistema chiuso che solo di recente ha allentato i cordoni per add-on prodotti dalla community ma il cui ritardo è oramai insanabile benché come browser Mac rappresenti la summa di tutti i principi alla base del Think Different.  Pur non aspirando alle velleità della concorrenza, possiamo potenziare Safari con add-on confezionati appositamente come Glims di cui ci occupiamo in questa news.

Glims è una estensione per Safari in grado di aggiungere nuove funzioni al browser come ad esempio: una gestione evoluta dei tabs, le miniature delle ricerche eseguite, la modalità di visualizzazione a pieno schermo, motori di ricerca accessibili direttamente dalla barra degli strumenti, suggerimenti nella ricerca, autocompletamento dei moduli, cartelle di download rinominate a seconda della data e molto altro ancora.

La lista delle features è allettante:

  • Miniature automatiche per i risultati nelle ricerche con Google/Yahoo/Bing
  • Vari motori di ricerca nella barra di ricerca di Safari
  • Favicon per le etichette nelle tab
  • La possibilità, ripresa da Chrome, di effettuare una ricerca digitando le parole chiave direttamente nella barra degli indirizzi
  • Nuove opzioni per il posizionamento della tab
  • Chiusura della tab usando il pulsante centrale del mouse
  • Focus automatico sull’ultima tab attiva
  • Aprendo una nuova finestra il focus viene impostato direttamente sul campo di ricerca
  • Autocompletamento per le frasi da ricercare
  • Separatore per gli indirizzi fra i Segnalibri
  • Azioni per i Segnalibri
  • Cartelle di download create con la data in cui è stata avviata l’operazione
  • Chiusura automatica della finestra di download
  • Localizzato in varie lingue fra coi anche l’italiano.

La versione attualmente in linea Glims è siglata come v1.0 build32 ed è stata rilasciata per correggere vari bugs ma anche apportare qualche novità come, tra le tante, la possibilità di installare una versione light del plug-in, il supporto per la creazione di miniature attraverso il protocollo sicuro HTTPS e molto altro ancora.

L’add-on è compatibile con Safari 3.0.4  e ogni versione successiva, compresa la pre-release 5.1, e può essere scaricato cliccando direttamente su questo indirizzo.

 

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.
  • Zanna

    Scuaate l ignoranza, posso chiedere se e quanto questo plugin “appesantisce” safari?
    Perchè se è vero che firefox è estremamente personalizzabile, c’è da dire anche che dopo un po diventa lentuccio rispetto alla versione senza componenti aggiuntivi

    • Bauherr

      Già, bella domanda

    • Ciao Zanna,
      il plug-in di per sè non è pesante, lo diventa abilitandone le varie funzioni per cui attivando solo quelle strettamente necessarie l’impatto sulle prestazioni è sensibile.

  • Anonimo

    Solo io trovo safari comodo così senza aggiunta di estensioni che poi in realtà si usano poco e rendono molto piu pesante il browser?

    • Perdy

      Sì, solo tu.

  • Marcello

    Come si disinstalla questo add-on? L’ho provato ma l’ho trovato altamente inutile, ma ora non so più come toglierlo, ciao grazie…