Il New York Times prende di mira Apple per le strategie fiscali per pagare meno tasse

domenica, 29 aprile 2012 di Denis Dosi in News

Il New York Times ha recentemente pubblicato un’inchiesta in cui accusa Apple di aver adottato strategie fiscali penalizzanti per tutti i contribuenti degli Stati Uniti.

Dopo la vicenda legata alle condizioni dei lavoratori in Foxconn, il New York Times lancia un altro durissimo affondo ad Apple con un’inchiesta sulle strategie fiscali adottate per ridurre le tasse da pagare. Secondo quanto riportato dal giornale, l’articolo nasce da alcune testimonianze di determinate figure che hanno avuto il compito di individuare e determinare architetture aziendali per ridurre la spesa complessiva; il sistema si basa su una serie di uffici in nazioni in grado di offrire importanti agevolazioni sui profitti e trasferimenti di capitali. E’ importante sottolineare come effettivamente non vi sia nulla di illegale in tutto questo, molte altre aziende operano nella stessa maniera, tuttavia l’ente che principalmente non trae beneficio da tutto questo è naturalmente il Governo Americano, considerando che nel corso dell’anno potrebbe racimolare 45.6 miliardi di dollari.

Tra le azioni contestate dal NYT troviamo l’utilizzo di una sede a Reno in Nevada il cui posizionamento vuole essere un “trucco” completamente legale, infatti la corporate tax sarebbe dell’8%, ma in Nevada questa non deve essere pagata. Allo stesso modo si parla della Double Irish, il sistema utilizzato per sfruttare la ridotta tassazione d’Irlanda in quanto nel suddetto paese si pagano circa il 12.5% di tasse, a differenza dell’America ove è al 35%. Così facendo l’Irlanda diventa la base in cui Apple raccoglie circa il 30% di tutti i suoi profitti, successivamente attraverso una seconda sussidiaria in zona, invia il denaro verso le Isole Vergini Britanniche alla Baldwin Holdings Unlimited (di cui l’amministratore è proprio il CFO di Apple Peter Oppenheimer); una piccola parte viene invece dirottata verso l’Olanda, senza naturalmente alcun controllo in quanto sono spostamenti all’interno dell’UE, per poi finire direttamente ai Caraibi.

Se la nostra preview avesse attirato la vostra attenzione, vi preghiamo di proseguire nella lettura  su iPhoneItalia.

[via]

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS.

Unisciti alla nostra community su Facebook! Clicca Mi Piace!
L'utilizzo del contenuto di questo articolo è soggetto alle condizioni della Licenza Creative Commons. Sono consentite la distribuzione, la riproduzione e la realizzazione di opere derivate per fini non commerciali, purché venga citata la fonte.