Le batterie dei Mac Book potrebbero incendiarsi? E Apple si inventa una (l’ennesima) ingegnosa soluzione

venerdì, 27 maggio 2011 di Andrea Delvecchio in Brevetti

Ne abbiamo parlato anche qui, su SlideToMac, e forse qualcuno lo ricorderà: negli USA c’è chi cerca di far passare le batterie ai polimeri di litio come materiale pericoloso in quanto soggetti a rischio di incendio (soprattutto in volo). Per evitare i notevoli danni economici che una scelta del genere potrebbe comportare (trasportare materiale pericoloso costa!) Apple è già corsa ai ripari.

L’ennesima domanda di brevetto depositata da Apple presso la US Patent & Trademark Office è stata resa pubblica il 26 maggio 2011 e riguarda una batteria ricaricabile ai polimeri di litio di nuova concezione.
Il problema risiede nel fatto che -almeno teoricamente- questo tipo di batterie può produrre del gas che, in determinate condizioni, potrebbe addirittura dilatare la batteria sino a farla esplodere.
La soluzione che Apple ha fatto propria registrando questo brevetto è semplice ma assolutamente innovativa: assieme al normale rivestimento flessibile che copre queste batterie Apple progetta di aggiungere una specie di rotolo di materiale sintetico gelatinoso che avrebbe la funzione di tamponare una eventuale espansione del gas prodotto dalla batteria; inoltre è prevista sul rivestimento anche la presenza di alcune zone volutamente più deboli che dovrebbero andare incontro ad una sorta di cedimento controllato, in caso di eccessivo aumento della pressione, diventando sostanzialmente delle vere e proprie valvole di sfogo.

Una curiosità: questa domanda di brevetto sarebbe in realtà tutt’altro che nuova, essendo stata stata originariamente depositata già nel 2009 dai tre inventori Ramesh Bhardwaj, Taisup Hwang e Richard Mank.

Come sempre corre l’obbligo di sottolineare come Apple depositi quasi giornalmente una gran mole di brevetti ed invenzioni; solo pochi di questi si traducono poi in realtà, entrando a far parte di un prodotto commercializzato; altri vengono dimenticati o scartati, altri ancora attendono da qualche parte che arrivi il loro momento.

[fonte]

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS.

Unisciti alla nostra community su Facebook! Clicca Mi Piace!
L'utilizzo del contenuto di questo articolo è soggetto alle condizioni della Licenza Creative Commons. Sono consentite la distribuzione, la riproduzione e la realizzazione di opere derivate per fini non commerciali, purché venga citata la fonte.
  • Loca82

    Un momento.. questa cosa non la sapevo !! Io sto per farmi 20 ore di aereo e non dovrei usare il mio MacBook Pro ?? è realmente a rischio ?

    • Andrea

      Direi proprio di no …

  • Andrea Delvecchio

    Direi proprio di no!
    :-)
    Leggi i primi commenti dell’articolo “linkato” all’inizio e fai buon viaggio!
    ;-)

  • Loca82

    Bene dai,perchè 20 ore in aereo non ho intenzione di passarle a girarmi i pollici :-) !!

  • Andrea Delvecchio

    C’è sempre la settimana enigmistica …
    :-D

  • Loca82

    :-D certo, intendevo dire che vorrei continuare a lavorare almeno una decina d’ore su 20 !! e Via di Mag Safe per aereo :-)