Wordsmith: uno nuovo tipo di Word Processor per Mac

lunedì, 03 settembre 2012 di MDS in Istruzione, Mac App Store

Approda sullo store per Mac una nuova applicazione per l’elaborazione dei testi: Wordsmith.

 (AppStore Link)
Categoria:

La Plow Software LLC ha rilasciato sully store on line la sua applicazione per OS X: Wordsmith. Si tratta di un word processor di concezione diversa rispetto al classico Word di Microsoft: gli strumenti a disposizione verranno visualizzati in base alle esigenze, integrazione con la iSight e molto altro. Word è sicuramente il più potente elaboratori di test che esiste sul mercato. Tantissimi gli strumenti a disposizione: ma, dato l’elevato numero delle funzioni, può creare qualche problema nella ricerca di ciò che occorre.

Wordsmith, invece, lavora in maniera molto diversa: in base al testo che stiamo scrivendo, tutte le opzioni vengono proposte tramite pop-up e sono scelte valutando ciò che stiamo scrivendo. Inoltre, il suo analyzer è in grado di tenere traccia di persone e luoghi che verranno classificate. Altra funzione molto interessante è rappresentata dalla “Use your Allusion“: in questo caso, mentre stiamo scrivendo, Wordsmith genera citazioni o riferimenti a documenti esterni (libri, pagine web ed altro). Grazie all’integrazione con iSight, inoltre, l’applicazione è in grado di elaborare i codici a barre per raccogliere informazioni su libri che stiamo usando come bibliografia. Tra le altre caratteristiche troviamo il supporto ad iCloud, Text-to-Speech, export dei documenti in molti formati (tra cui PDF, HTML e Word).
Wordsmith è disponibile su Mac App Store al prezzo di 9,99€, localizzato in lingua inglese. Supporta unicamente OS X Mountain Lion e necessita di processore a 64-bit.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS.

L'utilizzo del contenuto di questo articolo è soggetto alle condizioni della Licenza Creative Commons. Sono consentite la distribuzione, la riproduzione e la realizzazione di opere derivate per fini non commerciali, purché venga citata la fonte.