Apple celebra i 20 anni di iMac

07 maggio 2018 di Giuseppe Migliorino

Per i 20 anni dalla presentazione del primo iMac, Tim Cook ha voluto ricordare l’evento postando su Twitter il video di quello storico keynote di Steve Jobs.

Nel suo tweet pubblicato ieri, Tim Cook ha scritto: “Proprio 20 anni fa, Steve Jobs presentava al mondo l’iMac. Era l’inizio di una nuova era per Apple, che avrebbe cambiato per sempre la concezione dei computer per tutte le persone“.

Steve Jobs era ritornato al timone di Apple da soli 8 mesi quando, il 6 maggio del 1998, salì sul palco del Flint Center ed esclamò: “Questo è l’iMac“. La scelta del Flint Center non fu casuale, visto che proprio lì Steve Jobs presentò lo storico Macintosh nel 1984.

 

Quell’iMac era totalmente diverso da tutti gli altri PC desktop visti in passato. Non c’era un case e tutto era integrato nel monitor. Inoltre, scompariva per la prima volta quel triste colore beige che aveva contraddistinto i due decenni precedenti di computer desktop, sostituito da colorazioni più accese e “cool”.

Durante la presentazione, Steve Jobs pose più volte l’accento su questo punto, facendo notare come l’iMac fosse totalmente diverso da qualsiasi altro PC visto in passato. Ed era il primo computer all-in-one per gli utenti consumer, realizzato con forme sinuose e plastica traslucida:

Questo è l’iMac. Tutto è traslucido. Puoi vedere il suo interno ed è così bello. Abbiamo altoparlanti stereo sul davanti. E gli infrarossi proprio qui. Abbiamo il lettore CD-ROM nel mezzo e due jack per cuffie stereo. E abbiamo anche il mouse più bello del pianeta, proprio qui. Tutti i connettori sono all’interno di una bellissima porta: Ethernet, USB. Intorno alla parte posteriore, abbiamo una maniglia.

L’iMac era incentrato sul fatto che le persone comuni si connettessero a Internet. E infatti quella “i” stava proprio per “internet”. E per Apple, quella “i” significava anche ispirare, istruire e informare.

Questo primo iMac sancì una vera e propria svolta per Apple, dopo anni di crisi che l’avevano portata quasi al fallimento. L’azienda aveva centinaia di milioni di dollari di debiti, e fu questa intuizione di Jobs a far ripartire il tutto anche grazie al taglio di tanti altri prodotti dell’azienda. Steve Jobs decise di tagliare i prodotti e di lasciare solo un computer desktop per gli utenti consumer e un computer portatile per i professionisti. Il prezzo di questo iMac era di 1.299 dollari.

L’iMac originale è stato il pioniere di molte innovazioni del settore come USB, FireWire e ventole silenziose, senza dimenticare la rimozione dell’unità floppy che in quegli anni era ancora utilizzata e diffusa. Fu una spinta in avanti per tutto il mercato.

Queste erano le specifiche tecniche del primo iMac:

  • Processore PowerPC G3 con clock a 233 MHz
  • Display da 15 pollici con risoluzione 1.024 × 768
  • Due porte USB ed Ethernet con un modem software integrato
  • Disco rigido da 4 GB
  • 32 MB di RAM, espandibili fino a 128 MB
  • Unità CD-ROM 24x
  • Altoparlanti stereo integrati con suono SRS
  • Tastiera e mouse USB progettati da Apple
  • Mac OS 8.1

La strategia risultò efficace, poiché l’iMac riportò Apple a fare grandi fatturati e ad uscire dalla crisi. Nelle prime settimane furono venduti 278.000 modelli.

La prima grande riprogettazione dell’iMac ci fu nel 2007, con un design molto simile a quello degli attuali modelli.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.