I difetti delle tastiere con meccanismo a farfalla oggetto di una nuova class action contro Apple

12 maggio 2018 di Luca Ansevini

Nuova grana legale all’orizzonte per Apple che si trova a dover fronteggiare una nuova class action per colpa delle tastiere con meccanismo a farfalla introdotte nei nuovi MacBook e MacBook Pro dal 2015 ad oggi.

Come già vi abbiamo raccontato alcuni mesi fa si stanno moltiplicando continuamente le segnalazioni ad Apple in merito a difetti alle tastiere con meccanismo a farfalla, con tasti non funzionanti e strani rumori in fase di digitazione.

Nella class action americana viene contestato all’azienda di Cupertino l’elevato numero di difetti ma sopratutto di essere stata a conoscenza del difetto prima del rilascio ufficiale. Pare infatti che basti davvero un basso quantitativo di polvere sotto i tasti per renderli non operativi. Molte sono le diverse casistiche citate nel documento, tra le quali alcune inerenti clienti che hanno dovuto ricorrere ad una riparazione a pagamento dopo la scadenza della garanzia di legge.

Ovviamente molte sono state anche le casistiche online citate, visti i diversi post sulla rete che confermerebbero il preoccupante dilagare di questo fenomeno su tante tastiere. Da pochi giorni inoltre è stata avviata sulla nota piattaforma Change.org una nuova petizione (al momento sottoscritta già da 17.600 utenti) per richiedere ad Apple il richiamo di tutte le unità prodotte dal 2016 al fine di sostituire una tastiera con evidenti difetti di progettazione in favore di una senza problematiche di questo genere.

L’azienda ha già pubblicato in rete sul proprio sito diversi documenti che spiegano come risolvere questo problema mediante l’utilizzo di bombolette ad aria compressa tuttavia tutti questi stratagemmi illustrati da Apple sarebbero, secondo moltissimi utenti, del tutto inefficaci. Vedremo insomma come Apple deciderà di affrontare il problema che al momento è stato comunque riconosciuto ufficialmente dall’azienda.

A voi è mai capitato sui vostri recenti MacBook e MacBook Pro? Fatecelo sapere nei commenti e continuate a seguirci per conoscere l’evolversi di questa situazione decisamente poco felice.

 

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.