MacBook Pro 2018: addio alla possibilità di trasferire i dati i caso di guasto

23 luglio 2018 di Claudio Stoduto

I nuovo MacBook Pro 2018 hanno fatto molto scalpore sotto tanti punti di vista facendo riflettere per alcuni aspetti molti degli utenti potenzialmente interessati ad un loro acquisto.

Dopo il caos delle temperature riscontrato con i modelli da 15 pollici ed il nuovo processore i9 di Intel, ecco che arriva una seconda doccia fredda che potrebbe essere più grave del previsto. Dal 2016 Apple ha deciso di cambiare totalmente il metodo costruttivo dei suoi portatili della linea Pro saldando direttamente sulla scheda madre l’SSD per dedicato all’avvio del sistema ed all’immagazzinamento dei file. Tuttavia aveva reso disponibile una porta dedicata che permetteva, in fase di assistenza, di poter recuperare il contenuto del notebook per poterlo sistemare e trasferire sul modello nuovo o sull’unità sostitutiva (a seconda del caso di assistenza). Con i modelli del 2018 questa porta è stata letteralmente eliminata e non rimpiazzata da nessun metodo alternativo.

Il problema sembrerebbe essere dovuto al nuovo chip T2. Esso infatti, oltre alle sue specifiche, permette di poter rendere più sicuri i file presenti nel disco fisso del nostro notebook. Sappiamo molto come Apple punti tanto sulla trasparenza, la privacy e la tutela dell’utente e quindi l’innovazione in tal senso non era stata affatto accolta in malo modo, anzi. Tuttavia nessuno si sarebbe aspettato un problema simile specie su questo genere di macchine che abbiamo visto, anche nella versione 2018, non essere perfette e facilmente riparate.

Ora l’unico metodo quindi possibile per poter trasferire i documenti e tutto il resto da questi nuovi MacBook Pro 2018 è il caro e vecchio “Assistente di migrazione”. Che ci piaccia o meno è l’unica strada possibile che, tra le altre cose, potrà essere sfruttata solamente se il dispositivo sarà in grado di accendersi ed in parte funzionare. Viceversa, purtroppo, potrebbe non esserci ad oggi alcuna soluzione per poter rimediare a tale problema.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

REGOLAMENTO Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole guida sulla discussione all'interno dei nostri blog.